Libri
Leave a comment

I Libri che Vorrei “L’inganno della morte” di Guglielmo Scilla

Secondo romanzo di Guglielmo Scilla – aka Willwoosh, dal nome del suo canale YouTube – “L’inganno della morte” è un fantasy per ragazzi.
Dato che il mestiere principale dell’autore (fra l’altro vlogger, radio speaker e attore) non è di certo quello di scrittore, mi sono avvicinato al libro con qualche cautela ed effettivamente non è un capolavoro.

Senza dubbio ci sono lati positivi: facile immedesimazione nei personaggi, simpatico ritratto di una tipica famiglia italiana campagnola, colpi di scena inaspettati, personaggi singolari, trama fantasiosa… un po’ troppo fantasiosa, forse. Essendo ambientato principalmente nell’oltretomba, Scilla ha avuto la possibilità di inventare lo scenario di sana pianta, creando un aldilà che non sembra né quello cristiano, né quello dei miti greci; anzi ricorda quasi più un paesaggio alieno o futuristico.

L-inganno-della-morte-guglielmo-scilla

Gli elementi fantastici ed i personaggi bizzarri non si contano, ma proprio a causa di quest’esuberanza il risultato è un fantasy molto poco credibile. Inoltre sono numerosi i gli elementi e le idee “prese in prestito” da altri racconti. Scusabili forse per l’inesperienza e la giovane età dell’autore, ma che sono così evidenti da saltare agli occhi anche al lettore meno accanito.

Qualche esempio: una competizione senza esclusione di colpi tra ragazzi, in cui ognuno di loro rappresenta una contrada e con un solo vincitore (Hunger Games). Un trio di protagonisti di cui un eroe, un imbranato e un so-tutto-io (Harry Potter). Un rospo-autobus utilizzato come mezzo di trasporto che non può fare a meno di ricordare il simpaticissimo gatto-autobus de “Il mio vicino Totoro“.

Altro particolare che rallenta la lettura è che la trama procede con un ritmo incostante: svariati colpi di scena racchiusi in una sola pagina seguiti da un’attesa di diversi capitoli. E per concludere, un finale che non finisce, che suggerisce il ragionamento tipico “Se mi va bene ci faccio un sequel“.

Insomma, se proprio siete decisi a leggerlo – per curiosità, testardaggine, o (come me) per semplice simpatia verso l’autore – almeno ora sapete a cosa andate incontro. Mettiamola così: pubblicare un romanzo è il sogno nel cassetto di tutti ed alcuni sono abbastanza fortunati da riuscirci, anche quando, purtroppo, la fortuna è solo la loro.

Rating1
rating rating rating_half (1)
-Robin
dividers
Questa recensione fa parte della rubrica settimanale “I Libri che Vorrei” in collaborazione con Robin del blog “Stop Thinking, Let’s Cook“. La ricetta di oggi è un plumcake ai fiori di lavanda e al miele! Guardate che delizia *_*
DSC_3745
xoxo DanielaV
Filed under: Libri

by

Sono Daniela, 20 anni, adoro dare idee e trovare ispirazione nella lettura, ormai mia compagna fidata, riposo della mente e viaggio del cuore. Mi piace moltissimo cucinare: con un buon dolce o una buona pasta coi pomodorini si risolve tutto! Appassionata del fitness e della fotografia. Sono un po' tutto e un po' niente, vorrei avere qualche ora in più al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *