Libri
comments 114

100 Libri da Leggere almeno una Volta nella Vita, Tu Quali Hai Letto?

Questa è la lista dei 100 Libri da Leggere almeno una volta nella vita e comprende classici, romanzi d’intrattenimento e fantasy. Mi sembra una lista adatta a tutte le età e molto semplice da accettare, quali avresti voluto aggiungere?

La BBC afferma che la maggior parte delle persone ha letto solo 6 dei 100 libri presenti nella seguente lista.” 

Istruzioni: 

Copia la lista e condividila sul tuo Blog! Se non hai un blog puoi commentare con quanti libri hai letto e quanti hai lasciato in sospeso,  io rispondo al post di Life is a Book!

V: Letto

X: Non Finito

  1. Orgoglio e Pregiudizio – Jane Austen “V”
  2. Il Signore degli Anelli – J.R.R. Tolkien
  3. Il Profeta – Kahlil Gibran “X”
  4. Harry Potter – JK Rowling “V”
  5. Se questo è un uomo – Primo Levi
  6. La Bibbia
  7. Cime Tempestose – Emily Bronte
  8. 1984 – George Orwell “V” (scolastico)
  9. I Promessi Sposi – Alessandro Manzoni “V” (scolastico)
  10. La Divina Commedia – Dante Alighieri “V” (scolastico) 
  11. Piccole Donne – Louisa M Alcott
  12. Lessico Familiare – Natalia Ginzburg
  13. Comma 22 – Joseph Heller
  14. L’opera completa di Shakespeare “V” (scolastico)
  15. Il Giardino dei Finzi Contini – Giorgio Bassani
  16. Lo Hobbit – JRR Tolkien
  17. Il Nome della Rosa – Umberto Eco
  18. Il Gattopardo – Tommasi di Lampedusa
  19. Il Processo – Franz Kafka
  20. Le Affinità Elettive – Goethe “V”
  21. Via col Vento – Margaret Mitchell
  22. Il Grande Gatsby – F. Scott Fitzgerald “V”
  23. Bleak House – Charles Dickens
  24. Guerra e Pace – Leo Tolstoy
  25. Guida Galattica per Autostoppisti – Douglas Adams
  26. Brideshead Revisited – Evelyn Waugh
  27. Delitto e Castigo – Fyodor Dostoyevsky
  28. Odissea – Omero “V” (scolastico)
  29. Alice nel Paese delle Meraviglie – Lewis Carroll
  30. L’insostenibile leggerezza dell’essere – Milan Kundera “V”
  31. Anna Karenina – Leo Tolstoj
  32. David Copperfield – Charles Dickens
  33. Le Cronache di Narnia – CS Lewis
  34. Emma – Jane Austen “V”
  35. Cuore – Edmondo de Amicis
  36. La Coscienza di Zeno – Italo Svevo “V”
  37. Il Cacciatore di Aquiloni – Khaled Hosseini
  38. Il Mandolino del Capitano Corelli – Louis De Berniere
  39. Memorie di una Geisha – Arthur Golden
  40. Winnie the Pooh – AA Milne
  41. La Fattoria degli Animali – George Orwell “V” (scolastico)
  42. Il Codice da Vinci – Dan Brown
  43. Cento Anni di Solitudine – Gabriel Garcia Marquez
  44. Il Barone Rampante – Italo Calvino
  45. Gli Indifferenti – Alberto Moravia
  46. Memorie di Adriano – Marguerite Yourcenar
  47. I Malavoglia – Giovanni Verga
  48. Il Fu Mattia Pascal – Luigi Pirandello “V”
  49. Il Signore delle Mosche – William Golding
  50. Cristo si è fermato ad Eboli – Carlo Levi
  51. Vita di Pi – Yann Martel
  52. Il Vecchio e il Mare – Ernest Hemingway
  53. Don Chisciotte della Mancia – Cervantes
  54. I Dolori del Giovane Werther – J. W. Goethe
  55. Le Avventure di Pinocchio – Collodi
  56. L’ombra del vento – Carlos Ruiz Zafon
  57. Siddharta – Hermann Hesse
  58. Il mondo nuovo – Aldous Huxley
  59. Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte – Mark Haddon
  60. L’Amore ai Tempi del Colera – Gabriel Garcia Marquez
  61. Uomini e topi – John Steinbeck
  62. Lolita – Vladimir Nabokov
  63. Il Commissario Maigret – George Simenon
  64. Amabili resti – Alice Sebold “V”
  65. Il Conte di Monte Cristo – Alexandre Dumas
  66. Sulla Strada – Jack Kerouac
  67. La luna e i Falò – Cesare Pavese
  68. Il Diario di Bridget Jones – Helen Fielding
  69. I figli della mezzanotte – Salman Rushdie
  70. Moby Dick – Herman Melville
  71. Oliver Twist – Charles Dickens “V”
  72. Dracula – Bram Stoker
  73. Tre Uomini in Barca – Jerome K. Jerome “V”
  74. Notes From A Small Island – Bill Bryson
  75. Ulisse – James Joyce 
  76. I Buddenbroock – Thomas Mann
  77. Il buio oltre la siepe – Harper Lee
  78. Germinale – Emile Zola
  79. La fiera delle vanità – William Makepeace Thackeray
  80. Possession – AS Byatt
  81. A Christmas Carol – Charles Dickens “V” (scolastico)
  82. Il Ritratto di Dorian Gray – Oscar Wilde “V” 
  83. Il Colore Viola – Alice Walker
  84. Quel che resta del giorno – Kazuo Ishiguro
  85. Madame Bovary – Gustave Flaubert “V” (scolastico)
  86. A Fine Balance – Rohinton Mistry
  87. Charlotte’s Web – EB White
  88. Il Rosso e il Nero – Stendhal
  89. Le Avventure di Sherlock Holmes – Sir Arthur Conan Doyle “V”
  90. The Faraway Tree Collection – Enid Blyton
  91. Cuore di tenebra – Joseph Conrad
  92. Il Piccolo Principe– Antoine De Saint-Exupery “V”
  93. The Wasp Factory – Iain Banks
  94. Niente di nuovo sul fronte occidentale – Remarque
  95. Un Uomo – Oriana Fallaci
  96. Il Giovane Holden – Salinger
  97. I Tre Moschettieri – Alexandre Dumas
  98. Amleto– William Shakespeare “V”
  99. La fabbrica di cioccolato – Roald Dahl
  100. I Miserabili – Victor Hugo

Suvvia, pensavo peggio! 17/100

Voi quanti ne avete letti? Scrivetelo qui sotto :D

A me sembra una lista piuttosto ponderata, manca Stephen King che avrei inserito, ma tutto sommato non è male come lista. Non credo che tutti i libri “da leggere” debbano essere opere puramente filosofiche (come mai nessuno critica Il Piccolo Principe o La Bibbia? :P )

foto

xoxo Daniela

Filed under: Libri

by

Sono Daniela, 20 anni, adoro dare idee e trovare ispirazione nella lettura, ormai mia compagna fidata, riposo della mente e viaggio del cuore. Mi piace moltissimo cucinare: con un buon dolce o una buona pasta coi pomodorini si risolve tutto! Appassionata del fitness e della fotografia. Sono un po' tutto e un po' niente, vorrei avere qualche ora in più al giorno.

114 Comments

  1. ValentinaS says

    Ne ho letti 15, più qualcuno (come la “Divina commedia” o i “Promessi sposi” solo a metà perchè scolastici. ^_^
    Altri sono nella lista di libri da leggere, altri ancora non credo li leggerò mai! :P

    • Rebecca Serrano says

      Ho inizato a leggere harry potter quindi direi uno. Non sono molto di un genere ma ho letto moltissimi libri che non aono scritti qua. Della maggior parte ho visto il film e di questi voglio anche leggere il libro.. Ma credo che mi ci vorra un po.

      • barbara says

        Io 46. E la lista mi offre suggerimenti per prossime letture…

      • Ci vuole un “po’” di tempo a tutti!
        Io ho solo 19 anni ma non demordo, spero di riuscire a leggerne qualcun altro in quest’anno e pian piano migliorerò :)

  2. Marco Franzan says

    sono a quota 22, pensavo peggio. Mi serve una lunga vita davanti per colmare il gap :)

  3. Lori says

    Ne ho letti 57 completamente, 3 o 4 in parte ed anch’io ne ho trovati alcuni che non leggerei neppure sotto minaccia.

  4. ornella says

    28, ma sicuramente non penso che avrei dovuto leggere libri come harry potter!! non può essere tra i 100 che devi leggere nella mia vita!!

        • Alice Testa says

          Harry Potter è LETTERATURA.
          E’ partito come letteratura per bambini, quello si, ma si è evoluto con mille sfumature, personaggi, luoghi, lotte, volti e storie che è impensabile relegarlo nella definizione “Letteratura per bambini”. Racconta dell’Amore, in tutte le sue forme: l’amore materno, l’amicizia, l’amore non corrisposto..

          “Alla resa dei conti, non ha avuto importanza che tu non riuscissi a chiudere la tua mente. E’ stato il tuo cuore a salvarti.”
          Harry Potter e l’ordine della fenice.

          E’ sempre l’amore a salvare tutti: è il gesto estremo di amore che fa Lily, la madre di Harry, sacrificando la sua vita per salvare quella del figlio che dà inizio al libro e che permette ad Harry di sopravvivere al Male fino alla fine senza mai cedere ad esso.
          L’AMORE.
          Quindi, anche se fosse un semplice “libro per bambini”, varrebbe comunque la pena ALMENO una lettura perchè il genio di JK Rowling ha creato un universo intero che sopravvive al male grazie all’amore.. e, secondo me, non è mai troppo presto per impararlo o insegnarlo ai nostri bambini e, a noi “grandi”, non fa mai male ricordarlo.

          “Essere stati amati tanto profondamente ci protegge per sempre, anche quando la persona che ci ha amato non c’è più. E’ una cosa che ti resta dentro, nella pelle.”
          Harry Potter e la pietra filosofale.

        • Francesca says

          Ah si hai ragione e se è una lettura per bambini allora perché ha venduto milioni di copie ? Qualche adulto in quel milione ci sarà non credi anche tu ?

          • Ileana says

            Uno di quegli adulti sono io. Ho l’intera collezione in italiano e anche quella in . Allora che ne pensate di “Winnie the Pooh” o di “Alice nel paese delle meraviglie” ?

  5. Chiara says

    Ne ho letti 38 su 100, ma non mi fermo qui. Ho notato tanti altri titoli interessanti da scoprire!

  6. Annalisa Marini says

    io 68 :) salvo la lista così in caso di crisi di idee recupero qualche titolo grazie :)

  7. angelo_89 says

    per me è veramente una grande stronzata. ho letto la repubblica, il leviatano, il contratto sociale, la critica della ragion pratica, le ricerche filosofiche, la scienza nuova, la favola delle api, per citare i classici della filosofia (alcuni); per la letteratura il giocatore, l’idiota, senilità, una vita, il maestro e margherita, mastro don gesualdo, le libere donne di magliano, se questo è un uomo, il muro, l’età della ragione, la nausea: mi citano harry potter e il signore degli anelli. non oscar wilde, i tragici greci, i classici latini: harry potter e il signore degli anelli.mah.

    • Sono considerati classici della letteratura moderna: HP, per esempio, è una saga che comunque ha influenzato la cultura di un’epoca!
      A me sembra una lista piuttosto ponderata, manca Stephen King che avrei inserito, ma tutto sommato non è male come lista. Non credo che tutti i libri “da leggere” debbano essere opere puramente filosofiche (come mai nessuno critica Il Piccolo Principe?) .

    • Darkside990 says

      Daccordo con te sul fatto che ci siamo migliaia di libri che meriterebbero forse più di altri di stare in lista! Però il signore degli anelli non puoi criticarlo!!! è una pietra miliare della letteratura ed è la base di qualsiasi romanzo fantasy odierno, senza contare che a una lettura più profonda si vedono critiche e collegamenti con l’inghilterra della rivoluzione industriale (ci sarà un motivo se a oltre 50 anni dalla sua pubblicazione ci sono ancora decine di letterati che studiano i manoscritti del professore no?)
      e poi scusa un libro per meritare di esser letto non deve per forza essere una mattonata indigesta (con tutto il rispetto x opere filosofiche o classici latini e greci, che comunque mi piaciono molto), può anche essere “facile” e piacevole da leggere….ad esempio io avrei messo qualcosa anche di Asimov, visto che con lustri di anticipo ha ipotizzato un mondo in cui i robot cooperassero con l’uomo e ha scritto romanzi scorrevoli ma che ti lasciano anche riflettere….

    • As Sportiva LotodiGiada says

      oscar wilde c’è, anche se solo con il ritratto di doria gray, tolkien invece merita rispetto, non è detto che chi scrive soggetti di fantasia non sia un buon scrittore, il mio primo libro lo srissi inserendo parte del suo stile

    • Talita says

      Perché i libri per essere inseriti in una lista devoni essere per forza dei grandi classici? io ho spaziato da Dante a manzoni, da Dumas a Stendal e molti altri. Ci sono alcuni titoli che non leggerei mai per scelta personale nonostante siano considerati capolavori. io cercherò di aprire la mia mente a questi libri, voi provate a leggere Harry Potter. primo perché è la favola della buonanotte di una generazione intera, la migliore tata, e un ‘ inesauribile scorta di fantasia, secondo perché non solo è scritto divinamente ma può insegnare molto. Basta non giudicarlo con occhi babbani.

    • My-vibe says

      Dalla un’opportunità al romanzo (o sarebbe meglio dire, ai tre romanzi) di Tolkien. In un rigoglioso, immenso mondo immaginario ho trovato personaggi di un’umanità a volte sconvolgente. Quanti professori di lettere avrebbero saputo riversare così intensamente la loro passione riportando in vita i modelli del passato ricreando loro stessi ciò che avevano premurosamente studiato? Certo, prolisso è un po’ prolisso, ma è un difetto che si può ampiamente accettare in luogo di momenti in cui si raggiunge una liricità altissima, dalle ore di disperazione più nera al fuoco della speranza ritrovata, in groppa a un destriero col vento alle spalle pronti a sbaragliare le forze del male che fuggono alla vista del sole. Viene voglia di crederci, talmente vivide sono le descrizioni e naturali i moti dell’animo. Senza perdere di vista uno sguardo un po’ incantato e sognatore, nonché una dovuta dose di umorismo bene incarnata da questi piccoli esseri chiamati Hobbit, forse l’invenzione più geniale dell’autore. Quando uno di questi viene curato in seguito a una ferita mortale, ecco che:

      Poi Aragorn posò la mano sulla testa di Merry, e accarezzando dolcemente i riccioli bruni gli toccò le palpebre e lo chiamò per nome. E quando la fragranza dell’athelas impregnò la stanza con il profumo di frutteti e di erica assolata piena di api, improvvisamente Merry si svegliò e disse: “Ho fame. Che ore sono?”

      Di una tenerezza senza prezzo, davvero, così come il fedele rapporto tra Frodo e il suo servo Sam, quasi come due fratelli.
      È chiaro che la visione del mondo di Tolkien è profondamente cattolica, nel contrapporsi manicheo di bene e male in una eterna lotta; ma nota che il “popolo” che ha investito del ruolo di salvatore, questi adorabili mezz’uomini, sono senza DIo/dei, in fondo. E nella sua visione del mondo c’è questa simpatia aristocratica e reazionaria che guarda con nostalgia al passato, vero, nel benevolo paternalismo di Frodo verso Sam, in una satira del comunismo e dei soviet che io leggo in un episodio verso la fine del libro, dove uno stregone ormai decaduto tenta di instaurare un dominio personale nella Contea degli Hobbit facendo costruire grige macchine e fabbriche che prendono il posto dei verdi alberi e requisendo le proprietà “per il bene comune” con il fine di rendere tutti più poveri. Fatto sta che è davvero, davvero una lettura appassionante e commovente.

      Per quanto riguarda il precedente Lo Hobbit, che è sostanzialmente un prequel rispetto alla trilogia di cui ti ho parlato, l’ho trovato molto buono, una gradevole e scorrevole lettura che guadagna certo in concisione (è un terzo della dimensione della trilogia) e che ha molti dei pregi del successore. Ma a mio avviso non riesce del tutto a toccare le stesse profondità.

    • Troccoli says

      Tolkien, Omero e Dante sono scrittori che usano più o meno spinte allegorie per parlare al pubblico. Tolkien è un genio e un maestro di stile, basta solo non essere prevenuti, leggilo come se stessi leggendo un trattato di filosofia, anzi, Il Signore degli Anelli è un ampio trattato di filosofia morale discussa attraverso il romanzo fantastico. Chi ha genio sa far anche queste cose ;-)

  8. teresa says

    31 ma tra quelli non letti ce ne sono alcuni che non leggerò mai

  9. Pingback: I 100 libri che Dovresti aver letto | Democratico ma non troppo

  10. As Sportiva LotodiGiada says

    solo 32, non sono un gran lettore, devo poi aggiungere che li ho letti molto tempo fa e che me li ricordo solo nell’essenza.
    La collana contiene buoni libri, ma molto vecchi, è per questo che forse li ricordo poco, dei libri letti in questi ultimi 5 anni non compare un solo titolo per cui la statistica è zoppa.

  11. Lia Armagno says

    56, di cui quelli in inglese francese in lingua originale

  12. MailaHoshi says

    Io ho letto sempre libri di cultura orientale! Quelli scolastici rientrano nelle mie letture, ma gli altri no! (y)

  13. ada says

    ne ho letti 61, ma chi ha finito l’ulisse? e tutta la bibbia poi..Classifica scriteriata, nel senso di compilata senza criterio. insomma..bridget jones insieme a cesare pavese..tutto un altro paio di mutande

  14. Luisella Sassu says

    Ne ho letti 38, alcuni non li avevo mai sentiti, altri mi rifiuto di leggerli. Nella lista ci sono degli assenti illustri. Per esempio Calvino, Paul Auster, l’ultima novità editoriale della casa editrice Condaghes “Colpo di coda” di Luisella Sassu e tanti altri.

  15. rosa rita daros says

    li ho letti quasi tutti ma ho preso nota di quelli che mi mancano (una decina) per informarmi se siano o meno il mio genere ed eventualm mettermi in regola….

  16. forbiddenevil says

    …..senza fare nessuna polemica, io ne ho letti 29……..poi ovvio che mancano moltissimi titoli e autori.

  17. Cristina says

    Ciao sono Cristina alcuni di questi libri non sono il mio genere comunque io ne ho letti 21/100 e visti 25/100 ma a parere mio non so quante persone leggeranno mai la Bibbia in completo o Shakespeare, Dickens, Manzoni o Alighieri visto che ormai aimè non te li fanno neanche più leggere a scuola! Speriamo nel buon senso della gente! Io personalmente mi impegnerò a fine la lista ed arrivare al 100%! Anche se io sempre personalmente parlando ne cambierei alcuni comunque avendoli letti.

  18. floriana says

    Dan Brown sarebbe da leggere? è scritto come una lista della spesa, mah, opinione mia.
    Non si può pretendere che una lista di soli cento libri li contenga tutti. Comunque leggere non è un “dover leggere”. dovrebbe essere considerato un piacere e i giovanissimi andrebbero educati alla bellezza di una buona lettura, bisognerebbe imparare che un libro che molti considerano un mattone o pesante (parlo di romanzi, per filosofia e poesia ovviamente il discorso si complica un po’) è in realtà un piccolo gioiello (sto proprio in questo periodo riscoprendo il buon Fogazzaro con immenso piacere).

    • Ileana says

      Io adoro “Piccolo mondo antico” di Fogazzaro. L’ho letto la prima volta a 10 anni e ho pianto come una fontana perchè volevo l’happy end!

  19. Ci sono molti libri validi ma sicuramente ne mancano altri di altrettanto valore se non superiore. Io ne ho letti parecchi di quelli citati ma mancano i miei preferiti.

  20. Darkside990 says

    Oscar Wilde, molto bello!! Anche se onestamente mi ha un po’ deluso il finale (non tanto il come finisce ma il modo in cui lo ha scritto…)
    Scusa ma…perchè? non ho parlato di Wilde e del “ritratto” nel mio commento…o mi sono perso qualcosa? xD

  21. lorenza says

    26…………………..molto male, ma alcuni non li leggerei mai e altri li ho iniziati e non sono riuscita a terminarli.
    possibile che manchi I pilastri della terra?
    chi ha letto La collina dei conigli?

  22. Paolo Bastoni says

    Orgoglio e
    Pregiudizio – Jane Austen

    Il Signore degli
    Anelli – J.R.R. Tolkien V

    Il Profeta – Kahlil Gibran

    Harry Potter – JK Rowling

    Se questo è un uomo – Primo Levi V

    La Bibbia V

    Cime Tempestose –
    Emily Bronte

    1984 – George
    Orwell V

    I Promessi Sposi –
    Alessandro Manzoni V

    La Divina Commedia
    – Dante Alighieri V

    Piccole Donne –
    Louisa M Alcott V

    Lessico Familiare
    – Natalia Ginzburg

    Comma 22 – Joseph
    Heller

    L’opera completa
    di Shakespeare

    Il Giardino dei
    Finzi Contini – Giorgio Bassani V

    Lo Hobbit – JRR
    Tolkien V

    Il Nome della Rosa
    – Umberto Eco V

    Il Gattopardo –
    Tommasi di Lampedusa V

    Il Processo –
    Franz Kafka V

    Le Affinità
    Elettive – Goethe

    Via col Vento –
    Margaret Mitchell V

    Il Grande Gatsby – F. Scott Fitzgerald V

    Bleak House – Charles Dickens

    Guerra e Pace – Leo Tolstoy V

    Guida Galattica
    per Autostoppisti – Douglas Adams V

    Brideshead Revisited – Evelyn Waugh

    Delitto e Castigo – Fyodor
    Dostoyevsky V

    Odissea – Omero V

    Alice nel Paese
    delle Meraviglie – Lewis Carroll V

    L’insostenibile
    leggerezza dell’essere – Milan Kundera V

    Anna Karenina – Leo Tolstoj V

    David Copperfield – Charles Dickens V

    Le Cronache di Narnia – CS Lewis

    Emma – Jane Austen

    Cuore – Edmondo de
    Amicis V

    La Coscienza di
    Zeno – Italo Svevo V

    Il Cacciatore di
    Aquiloni – Khaled Hosseini

    Il Mandolino del
    Capitano Corelli – Louis De Berniere

    Memorie di una
    Geisha – Arthur Golden

    Winnie the Pooh –
    AA Milne

    La Fattoria degli
    Animali – George Orwell V

    Il Codice da Vinci
    – Dan Brown

    Cento Anni di
    Solitudine – Gabriel Garcia Marquez V

    Il Barone Rampante
    – Italo Calvino V

    Gli Indifferenti –
    Alberto Moravia V

    Memorie di Adriano
    – Marguerite Yourcenar V

    I Malavoglia –
    Giovanni Verga V

    Il Fu Mattia
    Pascal – Luigi Pirandello

    Il Signore delle
    Mosche – William Golding

    Cristo si è
    fermato ad Eboli – Carlo Levi V

    Vita di Pi – Yann
    Martel

    Il Vecchio e il
    Mare – Ernest Hemingway V

    Don Chisciotte
    della Mancia – Cervantes V

    I Dolori del
    Giovane Werther – J. W. Goethe

    Le Avventure di Pinocchio
    – Collodi V

    L’ombra del vento
    – Carlos Ruiz Zafon

    Siddharta –
    Hermann Hesse V

    Il mondo nuovo –
    Aldous Huxley V

    Lo strano caso del
    cane ucciso a mezzanotte – Mark Haddon

    L’Amore ai Tempi
    del Colera – Gabriel Garcia Marquez V

    Uomini e topi –
    John Steinbeck V

    Lolita – Vladimir
    Nabokov V

    Il Commissario
    Maigret – George Simenon V

    Amabili resti –
    Alice Sebold

    Il Conte di Monte
    Cristo – Alexandre Dumas V

    Sulla Strada –
    Jack Kerouac V

    La luna e i Falò –
    Cesare Pavese V

    Il Diario di
    Bridget Jones – Helen Fielding

    I figli della
    mezzanotte – Salman Rushdie

    Moby Dick – Herman Melville V

    Oliver Twist – Charles Dickens

    Dracula – Bram Stoker

    Tre Uomini in
    Barca – Jerome K. Jerome V

    Notes From A Small Island – Bill Bryson

    Ulisse – James Joyce V

    I Buddenbroock – Thomas Mann

    Il buio oltre la siepe – Harper Lee V

    Germinale – Emile
    Zola

    La fiera delle
    vanità – William Makepeace Thackeray

    Possession – AS Byatt

    A Christmas Carol – Charles Dickens V

    Il Ritratto di Dorian Gray – Oscar
    Wilde V

    Il Colore Viola –
    Alice Walker

    Quel che resta del
    giorno – Kazuo Ishiguro

    Madame Bovary – Gustave Flaubert

    A Fine Balance – Rohinton Mistry

    Charlotte’s Web – EB White

    Il Rosso e il Nero
    – Stendhal V

    Le Avventure di Sherlock Holmes – Sir
    Arthur Conan Doyle V

    The Faraway Tree Collection – Enid Blyton

    Cuore di tenebra – Joseph Conrad V

    Il Piccolo
    Principe– Antoine De Saint-Exupery V

    The Wasp Factory –
    Iain Banks

    Niente di nuovo
    sul fronte occidentale – Remarque V

    Un Uomo – Oriana
    Fallaci V

    Il Giovane Holden
    – Salinger V

    I Tre Moschettieri
    – Alexandre Dumas V

    Amleto– William
    Shakespeare V

    La fabbrica di
    cioccolato – Roald Dahl

    I Miserabili –
    Victor Hugo V

    … 59….

  23. Giuseppe Barovero says

    8/100 e alcuni letti parzialmente. Redigere una lista di libri da leggere non ha senso, se non per gioco come in questo caso: è istigazione alla omologazione culturale, io sono per la biodiversità culturale. Le letture sono personali; ci troviamo in un periodo storico inedito, dove per pochi soldi o addirittura gratis, abbiamo una quantità di libri da leggere che se dovessimo leggerli tutti non basterebbe una intera vita!!!!!

  24. dew says

    51. però sta lista è fatta veramente a casaccio. sepùlveda? vonnegut? per chi suona la campana? etc, etc, etc…. voglio dire: le cronache di narnia???

  25. Pingback: Cento libri | La Stanza Bianca

  26. My-vibe says

    Appena sette su cento, più una manciata di non finiti o di quelli letti a scuola a frammenti. A pensarci bene sono molti di più quelli che conosco di nome che non quelli che ho letto!

  27. Valeria Murru says

    25, ma se si prendono in considerazione solo gli autori sono di più. é una lista interessante da cui partire se si cercano nuovi spunti. In ogni caso non è un album di figurine, se alcuni titoli non sono di proprio gusto basta saltarli!

  28. paolo formentini says

    17..ma un solo libro di fantascienza e 4 fantastici…ci siam scordati h.g.wells, asimov, bradbury…e anche nei classici….niente poesia….quasimodo, ungaretti..nei classici dovsteskj non lo citiamo…mha….

  29. Cristiano says

    concordo…ne ho letti 16-17 su 100 elencati ma ne mancano una cifra….da Asimov a Clark a Baudelaire a Stevenson a Burroughs etc etc etc…E’ una lista troppo generalizzata e personale ( chi l’ha redatta ha letto probabilmente solo quei libri)….non attendibile…dai manca “il cacciatore di androidi” di Dick , pietra miliare che ha ispirato un filmetto tipo Blade runner …non si puo!

  30. Troccoli says

    33
    Mancano dei titoli non trascurabili però, ad esempio Il Maestro e Margherita, ma anche Delirio a due e sarebbe da notare l’assenza totale di titoli della letteratura postcoloniale africana e australiana.
    Fa piacere però trovare Il Gattopardo, Il Giardino dei Finzi Contini e La luna e i falò che sono tra il meglio del meglio della letteratura di sempre.
    Per la cronaca i titoli italiani sono 17! Quanta grazia per un piccolo pezzetto di mondo.

  31. Troccoli says

    Angelo_89
    Tolkien, Omero e Dante sono scrittori che usano più o meno spinte allegorie per parlare al pubblico. Tolkien è un genio e un maestro di stile, basta solo non essere prevenuti, leggilo come se stessi leggendo un trattato di filosofia, anzi, Il Signore degli Anelli è un ampio trattato di filosofia morale discussa attraverso il romanzo fantastico. Chi ha genio sa far anche queste cose ;-)

  32. bart says

    classificare, rinchiudere i libri in una lista e’ impossibile nonche’ stupido……tentativi simili sono soliti in squallidi quotidiani di gossip……!!!

  33. deanna says

    ciao.. ne ho letti 28 (qualcuno come la Austen, Cent’anni di solitudine e tutti gli Harry Potter, anche 2-3 volte) e nella mia biblioteca ne ho almeno 20 della lista che devo ancora leggere (sono un po’ discontinua..). Concordo con Paolo qui sotto.. nessun Asimov, niente poesie… la lista non è completissima ma va bene lo stesso…

  34. Pingback: 100 Libri da Leggere almeno una Volta nella Vita, Tu Quali Hai Letto? | CUBOGRAPHIC

  35. Gullit says

    solo 10 ! ma in compenso 600 e rotti Tex e centinaia di pubblicazioni e monografie di medicina e di chirurgia ben più determinanti per il mio lavoro e per le altrui vite !!! ;-)

  36. Elena Manzoni di Chiosca says

    Io ne ho lettoi 26, a suo tempo, ma ritengo che molti non siano affatto fondamentali, come, ad esempio, le schifezze scritte da Umberto Eco, un pennivendolo al servizio dei poteri forti. Ed invece, sopratutto per quel che riguarda la letteratura italiana, mancano alcuni libri fondamentali, come le “memorie di un italiano”, “il cavallo rosso” etc…etc.. e poi, mancano i poeti, almeno i più significativi. E molta letteratura tedesca, spagnola e francese. Non cxi sono solo inglesi ed americani, o gente al loro servizio…

  37. francesca says

    31….ma ne ho letti mooolti altri.
    Fra quelli della lista che ho letto, per me, il migliore e’ Memorie di Adriano….un capolavoro

  38. simon says

    38…ma ne mancano tantissimi….”dai ragazzi della via pal” ad “ambra”…..scrittori cm isamov…..ci sn libri inleggibili per me….e che abbiano lasciato fuori king….giusto….prima di lui hubbard…turtledove….lovercraft….etc…..

  39. Giovanni Piccini says

    Sei un genio. Si vede, poi, che ne leggi molti di libri da come usi la punteggiature.
    Piccolo suggerimento tipografico: in italiano lo spazio si fa solo “dopo” i segni, ok?
    Vai ora, c’è una KA$TA da abbattere !!!!111

  40. Grzegorz Kus says

    ne ho letti 68. Il mio elenco dei 100 da leggere sarebbe piuttosto diverso, ma anche questo qui non e’ male.

  41. Valeria Hel Capellaro says

    Tolkien è parte del mio prossimo esame T-T Si studia eccome, anche nello stesso corso di Shakespeare.

    • Che bellezza! *_*
      Io provai a leggere alcuni tomi di Tolkien ma erano un po’ pesantucci dunque ho evitato ç_ç

      • Ileana says

        partire da “Lo Hobbit” farebbe al caso tuo. E’ il meno voluminoso e contiene episodi anche davvero divertenti.

  42. Ne ho letti 63/100. Credo di essere abbastanza soddisfatta del tempo passato con il naso tra le pagine di uno di questi libri stupendi.

  43. Caterina says

    ne ho letti 74, di altri ho visto il film e mi è bastato. Trovo che alcuni della lista non siano capolavori, de gustibus…

  44. Mario says

    Ne ho letti 82. Degli altri qualcuno non lo leggerei nemmeno sotto tortura come “Il codice da Vinci” e per altri non ne ho mai avuto l’occasione

  45. Lucia says

    Solo 39/100, alcuni lasciati a metà come “cent’anni di solitudine”

  46. Ileana says

    Solo 31/100. Speravo meglio! Effettivamente la lista è eterogenea e mancano testi che hanno fatto epoca, tuttavia ritengo che sia stata creata pensando al lettore medio e quindi anche a quelli che anche sulla soglia della mezz’età, o oltre, hanno voglia di rivivere un po’ le emozioni di quando si era fanciulli.

  47. Laura says

    Io ne ho letti 82, ma molti da bambina/ragazzina (non sono neanche certa che fossero le edizioni integrali, ma penso di sì). Infatti ne ho parecchi sulla mia lista di ri-letture.

    Però alcuni sono proprio nomi a caso. Senza offesa, ma credo si possa vivere tranquillamente senza aver letto Zafon, per esempio. E anche Eco che, con tutto il rispetto per il preparatissimo professore che è, dovrebbe dedicarsi alla vita accademica più che alla scrittura.
    TUTTI i nomi contemporanei inseriti sono appunto questo, nomi. Non ce n’è uno di valore, e quelli presenti lo sono perché hanno scalato le classifiche, e hanno scalato le classifiche perché acquistati dalla massa di capre che generalmente non apre un libro xD
    Sul serio, c’è Dan Brown in quella lista. Ma l’hanno letto? Dan Brown è un insulto al lettore. Scrive malissimo e in maniera completamente disinformata (noi siamo toccati direttamente: deve inserire frasi in italiano e non spende dieci minuti di tempo a chiedere aiuto a un madrelingua per la traduzione, no, usa google translate e manda in stampa milioni di copie di una lingua INVENTATA). Come lettore che investe soldi e tempo in un’opera, merito di meglio. Ed è vergognoso che un pennivendolo del genere sia in questa lista.

  48. grant says

    attenzione! sono 99. nella lista c’è l’opefra omnia di Shakespeare al 14 posto e al 98 c’è amuleto…

  49. Giacomo says

    24/100 anche se, avendo 15 anni, ho ancora molto tempo per leggerli tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *